Mara Venier, la ripresa dopo il doloroso lutto: “Prima non avevo il coraggio di guardare le sue foto”

Tanti di noi, con i genitori che invecchiano e declinano, sarà capitato di ripensare ai momenti belli e brutti vissuti insieme: appunto i ricordi della cara mamma sono al centro di un libro che Mara Venier ha recentemente scritto, con l’importantevenier1 incoraggiamento del compagno di vita Nicola Carraro.

Il volume si chiama “Mamma, ti ricordi di me?” e prende lo spunto da un episodio vero vissuto dalla brillante e spigliata conduttrice, quando andando a trovare l’anziana signora che soffriva di Alzheimer, si e’ infine sentita rispondere “Buongiorno signora”, avendo così la certezza che la mamma non la riconosceva più, a cusa della malattia che provoca, fra le altre cose, perdita della memoria.

venier2La signora è mancata 5 anni fa, ma Mara Venier racconta che fino a pochi mesi fa non riusciva a guardare le sue foto: “Avevamo un rapporto simbiotico, adoravo tornare a casa da lei. Fino all’anno scorso non sono riuscita a riguardare le sue foto. Provavo troppo dolore”

Il morbo di Alzheimer è una malattia degenerativa per ora incurabile. Causa la perdita progressiva e inevitabile della memoria e della capacità di ragionamento. La mamma di Mara Venier, Elsa Masci ha sofferto per tanto tempo di questa patologia e rimanerle accanto ogni giorno è stata una dura prova per la conduttrice.

Mara Venier ha deciso di raccogliere le esperienze di quegli anni dolorosi in un libro, Mamma, ti ricordi di me?, per poter essere vicina agli altri figli che stanno vivendo e hanno vissuto lo stesso calvario e soprattutto per esorcizzare il dolore del lutto: “La sua malattia ci ha uniti tutti, ci ha aiutati a superare vecchi rancori. Ho iniziato a scriverlo nel 2016 ma era rimasto incompiuto. Mio marito mi ha convinta a finirlo. Secondo lui poteva essere un processo catartico e così è stato.”

Mara Venier, la ripresa dopo il doloroso lutto: “Prima non avevo il coraggio di guardare le sue foto”ultima modifica: 2021-04-29T16:18:39+02:00da anniblu
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento